Pristina (Kosovo)




Pristina o Prishtina è la capitale e la città più grande del Kosovo. La popolazione della municipalità è di 211.129 abitanti, ma la popolazione dell'area metropolitana (agglomerato urbano e suburbano metropolitano) è calcolata in 465.186 abitanti.
La città è situata nel centro del paese (che comprende la città di Pristina, il suo agglomerato urbano e si estende ai sobborghi e ai villaggi). Capitale del Kosovo, sede del governo, Pristina è anche il centro politico del Kosovo.

Voto alla città:7
Anno della foto:2013

Amburgo (Germania)




Amburgo è una città della Germania, posta sull'estuario del fiume Elba.
È la seconda città più popolosa della Germania, dopo la capitale Berlino, ed è anche la città non-capitale più popolosa dell'Unione europea. Il suo porto è il maggiore della Germania e il secondo nell'Unione europea (non a caso la città ospita ITLOS, il tribunale della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare).
Amburgo, coerentemente con il suo passato anseatico, costituisce ancora oggi una città-stato e si fregia ufficialmente del titolo di Freie- und Hansestadt Hamburg ("Città libera ed anseatica di Amburgo").
Amburgo è famosa per i suoi monumenti e luoghi d'interesse come Jacobikirche (chiesa di San Giacomo), che conserva un pregevole organo monumentale opera di Arp Schnitger o il porto (Hafen), con i St.Pauli-Landungsbrücken (pontili e imbarcaderi di San Paolo) nel quartiere famoso perché era il centro del divertimento di una grande quantità di marinai ( e secondo alcuni anche dei pirati) che vi spendevano il tempo in attesa che la loro nave venisse caricata prima di ripartire.

Voto alla città:10
Anno della foto:2010

Mitrovica (Kosovo)



Mitrovica è il capoluogo dell'omonimo distretto del Kosovo settentrionale ed uno dei principali centri del territorio (307.500 abitanti). Viene considerato il "capoluogo" del Kosovo del Nord e la parte nord a maggioranza serba è sede di tutte le istituzioni serbe nel Kosovo che sono riconosciute dal governo di Belgrado ma non riconosciute dal governo secessionista kosovaro. La città inoltre ha anche due amministrazioni, una serba nella parte nord e una albanese nella parte sud.
Due anni dopo la morte del Maresciallo Tito, nel 1982, assunse il nome di Titova Mitrovica, ma tornò al nome originario nel 1991. 

Voto alla città:6
Anno della foto:2012

Corfù (Grecia)



Corfù è un comune della Grecia situato nella periferia delle Isole Ionie (unità periferica di Corfù) con 39.674 abitanti secondo i dati del censimento 2011.
A seguito della riforma amministrativa detta piano Callicrate in vigore dal gennaio 2011 che ha abolito le prefetture e accorpato numerosi comuni, il territorio comunale comprende ora l'intera isola omonima più le isole di EreikoussaMathraki e Fanò.
Corfù è famosa per il Néo Froúrio chiamata anche Fortezza nuova che si trova a ovest della città, fu costruita dai veneziani tra il 1576 e il 1589, ma nel XIX secolo gli inglesi modificarono molto il suo aspetto.

Voto alla città:8
Anno della foto:2013

Atene (Grecia)




Atene è un comune greco di 655 780 abitanti, capitale della Repubblica Ellenicacapoluogo dell'unità periferica di Atene Centrale e della periferia dell'Attica.
Il comune di Atene, stricto sensu, ha una superficie di 39 km², ma l'area metropolitana intesa come Grande Atene ha un'estensione di 412 km² con 4 013 368 abitanti, ed è così la settima conurbazione più grande dell'Unione europea, e la quinta capitale più popolosa dell'Unione.
Atene è una metropoli cosmopolita ed è il centro economico, finanziario, industriale e culturale della Grecia, e ha una notevole importanza a livello europeo, ma anche mondiale. Nel 2012 è stata classificata come la 39ª città più ricca del mondo per potere d'acquisto e come la 77° più costosa in una ricerca effettuata dalla società svizzera UBS.
È nota in tutto il mondo per la nascita della democrazia, per essere stata la sede dell'accademia di Platone e del liceo di Aristotele, oltre che aver dato i natali a SocratePericleSofocle e molti altri filosofi e personaggi importanti dell'antichità. Tra le città più antiche del mondo, è stata una fiorente polis ed è considerata la culla della civiltà occidentale. Nel XXI secolo è stata al centro dell'attenzione di tutto il mondo per aver organizzato con successo i Giochi della XXVIII Olimpiade nel 2004 e per l'inaugurazione del Nuovo Museo dell'Acropoli nel 2009, che ha riaperto il dibattito riguardante i Marmi del Partenone.
La città è anche la sede del Santo Sinodo della Chiesa di Grecia, presso il Monastero di Petraki.
Tradizionalmente la protettrice della città è la dea Atena, raffigurata sia sullo stemma che sulla bandiera della città.
Atene è famosa per le sue architetture antiche e moderne ma soprattutto per le sue aree archeologiche.

Voto alla città:8
Anno della foto:2013

Torino (Italia)



Torino è una città italiana di 883 281 abitanti, capoluogo dell'omonima città metropolitana e della regione Piemonte.
Cuore di un'area metropolitana che conta quasi 2 000 000 di abitanti su una superficie approssimativa di circa 2 300 km², la città di Torino è il quarto comune italiano per popolazione, il terzo complesso economico-produttivo del Paese e costituisce uno dei maggiori poli universitariartisticituristiciscientifici e culturali d'Italia. Nel 1997 parte del centro storico di Torino, unitamente al Castello del Valentino, alla Villa della Regina e agli altri possedimenti del circuito di residenze sabaude in Piemonte, è stata riconosciuta patrimonio dell'umanità dall'UNESCO col nome di Residences of the Royal House of Savoy.
Città dalla storia bimillenaria, fu fondata probabilmente come Taurasia nei pressi della posizione attuale attorno al III secolo a.C. dai Taurini, popolazione ligure (o celto-ligure) dell'Italia settentrionale, e trasformata in colonia romana da Augusto col nome di Iulia Augusta Taurinorum nel I secolo a.C. Dopo il dominio ostrogoto fu capitale di un importante ducato longobardo, per poi passare, dopo essere divenuta capitale di marca carolingia, sotto la signoria nominale dei Savoia nell'XI secolo. Città dell'omonimo ducato, nel 1563 ne divenne capitale. Dal 1720 fu capitale del Regno di Sardegna (anche se solo de facto fino alla fusione perfetta del 1847, quando lo divenne anche formalmente), stato che nel XIX secolo avrebbe portato all'unificazione italiana e che fece di Torino la prima capitale del Regno d'Italia (dal 1861 al 1865).
Importante centro antifascista durante il Ventennio (1922-1943), è stata la patria, natia o adottiva, di alcuni fra i più grandi scrittori e letterati italiani del XIX e XX secolo, tra i quali Edmondo De AmicisEmilio SalgariItalo CalvinoNatalia GinzburgNorberto BobbioCesare Pavese e Primo Levi.
Sede nel 2006 dei XX Giochi olimpici invernali, città natale di alcuni fra i maggiori simboli del «Made in Italy» nel mondo, come il Martini, il cioccolato gianduja e il caffè espresso, è il fulcro dell'industria automobilistica italiana, nonché importante centro dell'editoria, del sistema bancario, delle tecnologie dell'informazione, del cinema, dell'enogastronomia, del settore aerospaziale, del disegno industriale e dello sport.
A causa delle imponenti opere di pianificazione urbana effettuate a partire dal XVI secolo da parte della Corte Sabauda, Torino ha conservato pochi monumenti appartenenti all'epoca medioevale e rinascimentale.
Tra i monumenti di Torino più noti anche all'estero sono da citare l'ottocentesca Mole Antonelliana, simbolo incontrastato della città, che ospita il Museo nazionale del cinema (il principale d'Europa); il Palazzo Reale (antica dimora dei duchi ed in seguito dei re di Casa Savoia); la rinascimentale Cattedrale di San Giovanni Battista del XV secolo (celebre in quanto custode della Sacra Sindone); il Museo Egizio (il secondo più importante al mondo dopo quello de Il Cairo); la Galleria Sabauda (significativa raccolta di dipinti); Palazzo Carignano (progettato da Guarini e sede della Camera dei deputati del Parlamento italiano) e l'imponente Palazzo Madama. Quest'ultimo in particolare merita attenzione in quanto situato nel vero centro sociale e geografico della città; le sue porzioni più antiche risalgono addirittura all'epoca romana (si tratta di due delle quattro torri, ora inglobate nella facciata).
Originariamente si trattava della porta sud, trasformata in castello nel Medioevo con l'aggiunta di due torri; fu rimaneggiato più volte, in particolare all'inizio del Settecento, quando venne dotato di una facciata ad opera di Filippo Juvarra.
La città di Torino e i suoi dintorni sono abbelliti dalle numerose residenze sabaudePatrimonio dell'umanità dell'UNESCO, come la Palazzina di caccia di Stupinigi, la Villa della Regina, i castelli del Valentino, di Agliè, di Racconigi, di Rivoli, di Moncalieri, di Govone e la Reggia di Venaria Reale.
Torino vanta anche cospicua presenza di edifici Liberty realizzati tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Le importanti testimonianze architettoniche di quest'epoca sono ancora percepibili in alcune zone centrali del capoluogo come i quartieri del centro storico, (la CrocettaSan Salvario, la collina) ma con un'assoluta predominanza nell'area circostante il primo tratto di corso Francia, comprendente i quartieri Cit Turin e San Donato. Sull'onda del crescente successo delle edizioni dell'Esposizione internazionale d'arte decorativa moderna (culminato con quella del 1902), Torino venne infatti considerata come una delle capitali del Liberty e vide il proliferare di questo nuovo stile in ambito prevalentemente architettonico, con contributi dei maggiori autori dell'epoca.
Una caratteristica di Torino è costituita dai portici che si sviluppano per oltre 18 km dei quali circa 12 sono interconnessi. I primi portici risalivano al Medioevo ma è a partire dal XVII secolo che si cominciò a costruire i portici monumentali tuttora presenti. La prima testimonianza è l'ordinanza di Carlo Emanuele I di Savoia del 16 giugno 1606 in merito alla costruzione di piazza Castello secondo il progetto di Ascanio Vittozzi che comprendeva portici attorno a tutta la piazza. Anche nel progetto di piazza San Carlo di Amedeo di Castellamonte di qualche anno successivo erano previsti portici tutt'attorno. Negli stessi anni Filippo Juvarra costruì i portici di porta Palazzo. Nel 1765 Benedetto Alfieri ebbe l'incarico di rifare i portici di piazza Palazzo di Città mentre nel corso del XIX secolo si aggiunsero quelli dell'attuale piazza Vittorio Venetopiazza Carlo Felice e piazza Statuto. Le due stazioni ferroviarie di Porta Nuova e Porta Susa vennero congiunte con un percorso porticato attraverso Corso Vittorio Emanuele II, corso Vinzaglio, via Sacchi, via Nizza, via Pietro Micca e via Cernaia. Il portico che unisce piazza Castello con piazza Vittorio Veneto attraverso via Po sul lato sinistro fu progettato in modo tale da proseguire anche nell'attraversamento delle vie per permettere al re di giungere fino al Po senza bagnarsi in caso di pioggia.
Numerosi sono gli edifici di culto presenti nella città di Torino. Si tratta, nella stragrande maggioranza, di chiese cattoliche. Se si escludono le numerose chiese moderne costruite ex novo dopo la seconda guerra mondiale a seguito della forte espansione abitativa della città, conseguente il grande flusso immigratorio degli anni cinquanta e sessanta, la maggior parte delle chiese di Torino sono state costruite nei secoli XVII e XVIII; lo stile architettonico prevalente è il barocco ma non mancano esempi di stile rinascimentale e neoclassico o di commistioni fra uno di questi ed il barocco (tipo facciata neoclassica e corpo barocco).
Il Teatro Stabile di Torino, dichiarato Teatro Nazionale, è la principale istituzione pubblica dedicata al teatro nella città di Torino. Fondato nel 1955, secondo in Italia dopo il Teatro Stabile di Milano, gestisce le produzioni stagionali del Carignano, del Gobetti e delle Fonderie Limone di Moncalieri.
A Torino sono presenti 49 mercati rionali. Sebbene non sia la città che ne ospita il maggior numero, il record è tuttavia costituito dal fatto che sono fissi, aperti tutti i giorni e dislocati in tutti i quartieri. I più importanti per ampiezza e giro d'affari si svolgono in via Onorato Vigliani, in piazza Benefica, in corso Svizzera, in Corso Racconigi e in piazza Barcellona.
Il mercato più famoso è Porta Palazzo (Pòrta Pila in Lingua piemontese), che è il mercato all'aperto più grande d'Europa.
Ogni sabato nei pressi si tiene il Balon, un grande mercato all'aperto dell'usato, che la seconda domenica di ogni mese diventa Gran Balon, in cui si vendono anche oggetti di antiquariato.
Nel 2011 il regista torinese Daniele Gaglianone ha realizzato il film documentario Uomini e mercati centrato sui mercati di Porta Palazzo, piazza Benefica e corso Spezia.
In contrasto ad una prima impressione della zona centrale e ai vecchi pregiudizi sulla città grigia e industriale, Torino è una delle città italiane con più verde pubblico per abitante. Su una superficie cittadina di 130 km², vi sono infatti ben 21,37 km² di aree verdi: il che vuol dire che ogni abitante dispone di circa 23,6 m² di verde. In città sono presenti 60.000 alberi lungo le strade e 100.000 alberi nei parchi. In più, grazie a un indice di verde visibile del 16,2%, Torino si piazza al tredicesimo posto tra le diciassette città con più alberi nel mondo.
È inoltre la prima città italiana, tra quelle con più di 500.000 abitanti, per quanto riguarda la quota di raccolta differenziata dei rifiuti, giunta nel 2014 al 42,2%.
L'igiene urbana e la raccolta rifiuti sono gestiti dal 1969 da Amiat, società che si occupa anche del recupero ambientale della Discarica Basse di Stura, di cui la parte più vecchia - esaurita nel 1983 e con una superficie complessiva di 300.000 m² - è diventata parco fluviale, nota come Parco urbano della Marmorina.
Torino dispone di 51 parchi nell'area urbana e quelli più grandi e frequentati sono: il Parco del Valentino, il Parco della Pellerina, il Parco Colletta, il Parco Rignon e il più recente Parco Colonnetti. Attorno alla città, ad anello, vi sono il Parco della Mandria ed il Parco della Reggia di Stupinigi, antiche riserve di caccia dei Savoia, e quelli situati sulla collina torinese. Nei vari quartieri della città sono presenti molti piccoli parchi, in cui sono presenti 240 aree gioco per bimbi. Il sindaco Amedeo Peyron realizzò, agli inizi degli anni sessanta, il primo giardino in Italia dotato di giochi per bambini. Secondo un rapporto di Legambiente del 2007, Torino è la prima città italiana per strutture e politiche dedicate all'infanzia.
Torino ospita diversi grandi alberi. Dal grande platano del Parco della Tesoriera (660 cm di circonferenza del tronco, oltre due secoli di vita) ai platani del Parco del Valentino, dalle metasequoie del Giardino Roccioso inaugurato nel 1961 agli alberi più annosi dell'Orto Botanico fondato nel 1729, adiacente alle mura del Castello del Valentino. Torino ospita anche alberi esotici secolari come le sequoie costali (Sequoia sempervirens) dei parchi collinari di Villa Genero e Giacomo Leopardi, i numerosi esemplari di Noce del Caucaso (Pterocarya fraxinifolia) che costeggiano il Po e compaiono in parchi pubblici come i Giardini Cavour, il giardino Sambuy, i Giardini Reali Bassi (lungo corso San Maurizio), il parco Millefonti. Due spettacolari esemplari di carpino bianco (Carpinus betulus) arricchiscono il grande Parco della Rimembranza che si dispiega lungo il Colle della Maddalena.
Per Torino passa la Via Francigena, ramo del Moncenisio. L'itinerario, fra i preferiti nel Medioevo, valicato lo spartiacque Francia/Italia al Colle del Moncenisio, giunge dalla Valle di Susa terra delle grandi abbazie come NovalesaSacra di San Michele e Sant'Antonio di Ranverso e passando per Torino tende a Chivasso e quindi a Vercelli, dove si congiunge con l'altro ramo della Francigena, quella del Colle del Gran San Bernardo.

Voto alla città:8
Anno della foto:2010

Scilla (Italia)



Scilla è un comune italiano di 4 964 abitanti della città metropolitana di Reggio Calabria in Calabria. È una rinomata località turistica situata su un promontorio all'ingresso settentrionale dello stretto di Messina.
Tracce dei resti dell'antico porto, oggi scomparse a causa delle violente tempeste e delle fortissime correnti marine, furono rinvenute ancora nel XVIII secolo a seguito delle ricerche in tal senso effettuate dallo studioso locale Rocco Bovi.
Scilla è situato sull'omonima punta, che sorge 22 km a nord dell'ex capoluogo: il Promontorio Scillèo, proteso sullo Stretto di Messina, che anticamente veniva infatti denominato Stretto di Scilla.

Voto alla città:8
Anno della foto:2010

Cuneo (Italia)



Cuneo è un comune italiano di 56 201 abitanti. La città ha due soprannomi: Capoluogo della Granda dovuto all'estensione dell'omonima provincia (4° d'Italia) e Città dei 7 assedi per ragioni storiche.
La città è sorta presso la confluenza dei corsi d'acqua Stura e Gesso su un "pizzo" la cui caratteristica conformazione ne ha ispirato il nome. Il nucleo più antico e centro storico della città è caratterizzato da un impianto a scacchiera che partendo dal vertice dell'immaginario cuneo (piazza Torino) scorre lungo una via mediana (via Roma) che sbocca su un'ampia piazza (Piazza Galimberti).
Risulta il 10º comune capoluogo d'Italia per altitudine e il 1º per nevosità (media annua di 10 giorni nevosi per complessivi 100 cm). È il 6º comune del Piemonte per popolazione e il 16º, sempre della regione, per superficie.
La città con i comuni limitrofi di prima cintura crea un'area urbana di circa 500 km² per circa 130.000 abitanti.
Cuneo è famosa per le sue architetture religiose, civili e militari, per le sue aree naturali e molto altro (come strade, piazze, percorsi porticati, monumenti, ecc..).

Voto alla città:7
Anno della foto:2010

Poppi (Italia)



Poppi è un comune italiano di 6.396 abitanti in provincia di Arezzo in Toscana.
Il comune è inserito nell'elenco dei borghi più belli d'Italia.
Poppi è famosa per le sue architetture, l'origine del toponimo è incerta, alcune ipotesi ritengono che sia da attribuire al nome della gens romana Pupia o Pompilia altre, attualmente più accreditate, ritengono che Poppi derivi dal termine arcaico poplo cioè poggio, colle, rilievo. La storia del paese è strettamente legata alle vicende della famiglia dei conti Guidi che lo dominarono dal 1191 fino al 1440 quando divenne sede del Vicario della Repubblica di Firenze. Alla famiglia dei Conti Guidi si deve la struttura dell'attuale borgo medioevale fu infatti il conte Simone da Battifolle che nel 1200 iniziò la trasformazione del cassero del castello in residenza signorile di città e nel 1261 fece costruire l'attuale cerchia muraria con le cinque porte di accesso al paese oggi ridotte a quattro. Nel Castello di Poppi soggiornò nel 1307 e poi nel 1311 Dante Alighieri e la tradizione vuole che proprio a Poppi il sommo poeta abbia composto il XXXIII canto dell'Inferno. Oggi nei saloni del castello vengono ospitate numerose mostre di opere d'arte e si svolgono convegni e spettacoli musicali. Percorrendo la cinta muraria che ancora oggi in gran parte circonda il paese si nota come questo sia stato costutito con una singolare forma ad "L" i cui poli d'assetto urbano sono da un lato il castello dei Conti Guidi e dell'altro l'Abbazia di San Fedele. Per raggiungere Poppi dalla strada statale si attraversa l'abitato di Ponte a Poppi, nato come mercatale del castello e oggi sede dell'espansione moderna del paese, ed il ponte sul fiume Arno.

Voto alla città:6
Anno della foto:2010

Il Pireo (Grecia)



Il Pireo è un comune greco dell'Attica situato a poco più di 10 km a sud-ovest del centro di Atene, con la quale è unito senza soluzione di continuità tramite una serie di sobborghi. Porto naturale con diverse insenature e porticcioli secondari, la sua importanza nell'economia dell'Attica e della Grecia si può rintracciare fin dall'antica Grecia. In particolare dal V secolo a.C., quando divenne il porto dell'Atene classica, contribuendo così alla sua crescita economica e militare.
Si tratta del comune più popoloso dell'Attica dopo Atene, con una popolazione di 163.688 abitanti su 10.9 km², mentre la sua prefettura ha 466.065 abitanti su un totale di 50 km². Insieme ad Atene e ai sobborghi attici fa parte dell'hinterland ateniese, che conta 4.013.368 abitanti. È il più grande porto della Grecia e il maggiore d'Europa per numero di passeggeri, nonché il terzo del mondo, con un traffico di oltre 20 milioni di passeggeri l'anno. Con un traffico di 1,4 milioni di TEU è inoltre uno dei maggiori porti dell'est del Mediterraneo per traffico di container.
Il Pireo è stato citato nella La Repubblica di Platone: il dialogo ha inizio infatti con la voce di Socrate, il quale afferma di essere sceso al Pireo il giorno precedente.
Qui ha sede l'Università del Pireo.

Voto alla città:7
Anno della foto:2013